800 916 272 Chiamaci ora Contattaci

Il pungiglione di api e vespe

Api e vespe sono insetti differenti tra loro, non solo per l’aspetto e le abitudini alimentari, ma anche per il tipo di punture che possono infliggere e per le caratteristiche del loro pungiglione. Conoscere la differenza tra questi due insetti è fondamentale per gestire gli effetti delle loro punture.

Pungiglione delle api

Le api utilizzano il loro pungiglione come arma di difesa della colonia in caso di aggressione. Il pungiglione è presente solo nelle operaie e nella regina, mentre i fuchi ne sono sprovvisti.


Il pungiglione delle api è seghettato e spesso non visibile, infatti l’ape lo estrae solamente nel caso in cui senta la necessità di difendersi. Normalmente si trova nascosto nella camera del pungiglione, una sorta di tasca situata nell’addome, ed è formato da tre parti distinte: uno stiletto e due lancette. Quando l’ape attacca utilizza i muscoli addominali per inserire le differenti parti che lo costituiscono.


La seghettatura del pungiglione non permette all’ape di estrarre il pungiglione dopo la puntura, rendendone impossibile l’estrazione. L’ape nel tentativo di rimuoverlo è costretta a far leva sulle zampe, producendo la lacerazione dell’addome e di conseguenza la morte. 
Il pungiglione dell’ape e la sacca velenifera ad esso collegato possono rilasciare veleno con un’azione prolungata se non viene rimosso delicatamente, evitando di premere la sacca velenifera.


Questo non accade quando l’ape attacca gli altri insetti, dotati di esoscheletro, infatti in questo caso l’estrazione del pungiglione avviene quasi sempre senza difficoltà.

Pungiglione delle vespe

A differenza delle api, il pungiglione delle vespe è liscio e non presenta gli “uncini”, quindi le femmine delle vespe possono infliggere punture ripetute, senza rischiare di morire.

Perché le api pungono?

Il motivo principale per cui le api decidono di attaccare è la difesa della colonia, infatti in tutte le aree nei pressi dell’alveare vi è una maggiore possibilità  di essere punti. Esistono però anche differenti motivazioni che spingono le api a diventare aggressive quali le condizioni climatiche avverse, l’andamento stagionale, forti odori, movimenti bruschi, i colori scuri e le vibrazioni.


Inoltre, nel momento in cui rilevano una minaccia e attaccano, le api emettono dei feromoni che spingono le compagne a concentrarsi verso di essa.

Le vespe sono pericolose?

Generalmente, le vespe diventano aggressive e pungono in difesa del nido, ma anche se disturbate, toccate inavvertitamente o allontanate con gesti bruschi.


A differenza delle api, le vespe femmine possono pungere ripetute volte senza rischiare la vita grazie al pungiglione liscio e facilmente estraibile. 
Esistono diversi tipi di vespe, ed è importante saperle riconoscere per capire il loro livello di aggressività:


Vespa comune e germanica: genericamente non sono aggressive, reagiscono pungendo solo nel caso in cui venga disturbata la colonia. Sono attratte da sostanze zuccherine, pertanto si raccomanda attenzione in caso di pic-nic all’aperto dove possono essere lasciate bibite aperte e incustodite.


Vespa di terra: la difficile individuazione del nido lo rende facilmente attaccabile ed è per questo che questa specie è particolarmente aggressiva.  


Vespa cartonaia: come la vespa comune e germanica, tendenzialmente questa specie non è aggressiva e reagisce pungendo solo nel caso in cui venga disturbato il nido.


Calabroni: questa specie può rappresentare un pericolo per le api e per le persone, anche se difficilmente attaccano l’uomo. Possono costituire un rischio nei frutteti e nelle campagne, ma anche in aree urbane dove sempre più trovano clima mite dove proliferare. Sono tuttavia più schivi delle vespe più piccole, infatti evitano di avvicinarsi troppo alle persone. Il calabrone è più pericoloso e temibile delle altre vespe, in quanto con una puntura può inoculare una quantità superiore di veleno.

Metodi sicuri e professionali contro le infestazioni di vespe

Rimuovere un nido di vespe

Considerati i potenziali rischi per la salute e il benessere, di bambini soprattutto, a causa della prossimità con le specie di vespe descritte, raccomandiamo la rimozione dei loro nidi se in prossimità dell’abitato.  È sempre consigliabile non rimuoverlo autonomamente, ma richiedere l’intervento di un’azienda di disinfestazione specializzata.

Evita inutili rischi contattandoci subito per una rapida e sicura rimozione delle vespe dalla tua proprietà.

Disinfestazione Vespe

Rentokil protegge case e aziende dalle vespe e dai rischi di infestazione.

  • Le soluzioni di disinfestazione vespe permettono di prevenire, gestire ed eliminare le infestazioni.
  • Differenti trattamenti contro le vespe: disinfestazione per interni, esterni e rimozione dei nidi.
  • Rentokil offre un servizio personalizzato, sicuro e discreto, nel rispetto delle disposizioni di legge.
Scopri di più

Articoli correlati